Un nuovo sito targato WordPress

Salute orale: a spasso per il mondo

CONDIVIDI
, / 1021 0
Salute orale: a spasso per il mondo

Siamo abituati a considerare la salute orale come una priorità sin da quando eravamo bambini: mantenere i denti sani, lavarli 2 volte al giorno, andare dal dentista almeno 2 volte l’anno.

Ma cosa succede negli altri paesi? Quanto è importante la salute del sorriso in giro per il mondo?

Colgate articolo

 

Un salto nelle Filippine

Un recente studio evidenzia come per gli abitanti delle Filippine la cura del sorriso non sia in realtà una priorità assoluta, ma venga considerata secondaria anche rispetto alle pulizie della propria abitazione.

Si stima che attualmente solo il 60% della popolazione mondiale abbia un accesso adeguato alle giuste pratiche di igiene orale, e i dati riguardanti le Filippine non smentiscono di certo questa tendenza.

Secondo i dati dell’UP College of Dentistry di Manila infatti, 7 abitanti su 10 del paese non sono mai stati da un dentista e ben l’87% è affetto da carie.

 

Parola chiave: consapevolezza

Potrebbero esserci molte ragioni alla base di questa indifferenza nei confronti del dentista e della routine quotidiana dedicata all’igiene orale… ma senza dubbio la mancanza di denaro, di tempo e soprattutto di consapevolezza occupano i primi posti della classifica.

A volte infatti sapere cosa fare non è abbastanza, bisogna saperlo fare nel modo giusto.

Occorrerebbe dunque un’estesa attività di promozione e formazione mirata relativamente a quale spazzolino utilizzare, a come spazzolare i denti nel modo giusto e a visitare il dentista almeno 2 volte l’anno per un check-up completo della bocca.

In questo modo si potrebbero fare notevoli passi avanti nella lotta alla carie, alle gengive sanguinanti e persino ai costanti problemi di alitosi che affliggono la maggior parte degli individui nelle Filippine.

Essere consapevoli sui fattori che contribuiscono alla continua progressione delle patologie orali è un’importante forma di difesa. Conoscere cosa si può evitare con una giusta prevenzione, è un fattore chiave nella prevenzione stessa.

 

Brasile: da consapevolezza a ossessione

Trasferendoci all’altro capo del mondo troviamo invece una realtà dai tratti completamente opposti, nella quale il culto del corpo in ogni sua forma ed estensione occupa gran parte delle giornate di qualsiasi individuo medio.

Stiamo parlando del Brasile, paese al secondo posto dopo gli Stati Uniti per quanto riguarda il numero di interventi chirurgici eseguiti… circa il 15% del totale mondiale.

La cura del corpo, sia essa ottenuta con fatica attraverso estenuanti allenamenti in palestra oppure ricorrendo ai tanto amati ‘ritocchini’, costituisce un vero e proprio rituale per il popolo brasiliano, che aspira all’eterna giovinezza interiore e soprattutto esteriore.

 

Denti splendenti

Il colossale business della “bellezza a tutti i costi” ha varcato negli ultimi anni i confini dell’estetica e della dermatologia per conquistare il mercato del sorriso, da sempre simbolo di giovinezza.

Il popolo brasiliano dunque, sempre più consapevole dell’importanza rivestita da un sorriso sano e perfetto, ha rivolto la propria attenzione alle pratiche di odontoiatria estetica “perché andare dal dentista ormai è una pratica di routine, un po’ come andare dal parrucchiere”.

Ecco sfilare allora per le strade di Rio o Bahia una valanga di sorrisi bianchissimi e curatissimi, sfoggiati con orgoglio da un popolo che non è diventato ricco di colpo, anzi, vive mediamente con stipendi che valgono circa un decimo di quelli europei e ricorre massivamente al leasing per potersi permettere i corsi in palestra e le infinite pratiche estetiche.

Due poli opposti quindi, non solo geograficamente ma anche per quanto riguarda la cultura del sorriso e della salute orale. È bello conoscere il mondo, no?

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà visibile.