Un nuovo sito targato WordPress

Dentifricio: 20 usi alternativi che ti stupiranno

CONDIVIDI
, / 1163 0
Dentifricio: 20 usi alternativi che ti stupiranno

Finora l’hai sempre lasciato lì in bagno accanto al lavandino, utile al solo scopo di mantenere i denti in salute… tuttavia il dentifricio nasconde delle proprietà che ti sorprenderanno.

Non solo igiene orale

Colgate articolo

Prodotto generalmente economico che non può mai mancare nelle nostre case, re incontrastato dell’igiene orale, il dentifricio può trasformarsi in un factotum versatile in grado di affiancarti in numerose pratiche quotidiane… non ci credi? Scopriamole insieme!

… per il corpo

Addetto alla cura del corpo per eccellenza, essendo destinato prima di tutto alla protezione della bocca, il dentifricio può rivelarsi un utile strumento di bellezza.

  • Contro i brufoli: una piccola quantità di prodotto spalmata su quei brufoli fastidiosi che spuntano sempre quando non devono, può rivelarsi sorprendente. Basta lavare la pelle con acqua tiepida per favorire la dilatazione dei pori et voilà, con un po’ di dentifricio il brufolo si seccherà in men che non si dica. Ovviamente non bisogna esagerare con le dosi e la frequenza di utilizzo, effetti collaterali come irritazione e rossore sono dietro l’angolo!
  • Contro gli odori: dopo aver affettato aglio e cipolle, oltre alle lacrime ti ritroverai con le mani impregnate di quell’odore fastidioso che non va più via. Per eliminare questi e altri odori sgradevoli basta lavarsi le mani dopo aver spalmato una dose di dentifricio, non profumerai certo di rosa ma la puzza risulterà attenuata.
  • Per pulire le unghie: se vuoi ottenere unghie brillanti e rinforzate in poco tempo, un po’ di dentifricio spazzolato sulla superficie con un vecchio spazzolino può fare la differenza. Se il dentifricio contiene perossido, farà sparire anche il colorito giallastro derivante dall’uso prolungato dello smalto.
  • Contro le punture di zanzara: dopo una bella passeggiata serale, torni a casa piena di punture gonfissime… come fare? Mettendo una punta di dentifricio sulle zone interessate, vedrai diminuire il prurito e il gonfiore in poco tempo e senza troppi sforzi.
  • Per le bruciature della pelle: una scottatura lieve, rimediata dopo una giornata al mare o in montagna, può essere alleviata spalmando un velo di prodotto sulla pelle e lasciandolo riposare… solo se si tratta di un caso non grave ovviamente, altrimenti rivolgersi ad un medico è d’obbligo.
  • Per i capelli: nelle situazioni di emergenza quando il gel scarseggia, una piccola dose di dentifricio ovviamente senza microgranuli, può fungere da sostituto in quanto possiede gli stessi polimeri solubili in acqua contenuti nel gel per capelli.

… per la casa e il tempo libero

  • Per l’argento: grande classico tra i rimedi della nonna, il dentifricio può far risplendere gli oggetti in argento se strofinato sulla superficie e lasciato riposare, poi abbondantemente risciacquato.
  • Per la doccia: piastrelle e vetri della doccia torneranno a risplendere se lucidati con l’ausilio del dentifricio. Applicato con una spugna e lasciato agire per un po’ è in grado infatti di rimuovere ogni residuo di calcare.
  • Contro le macchie sui muri: se tuo figlio è un artista in erba e ama disegnare sui muri, un po’ di dentifricio strofinato sul muro con un panno umido farà sparire senza fatica le tracce di penne e pennarelli.
  • Per il ferro da stiro: un po’ di pasta dentifricia strofinata con delicatezza sulla piastra del ferro da stiro è in grado di rimuovere le insidiose incrostazioni di calcare, rimuovendo l’eccesso con un panno.
  • Contro i buchi nel muro: le piccole imperfezioni sui muri di casa possono essere levigate con il dentifricio, utilizzandolo al posto dello stucco.
  • Contro le macchie sui tessuti: le macchie di vino su camicie e magliette possono sparire con l’aiuto della pasta dentifricia, basterà metterne un po’ sulla macchia e strofinare energicamente, lavando poi il capo come al solito.
  • Per i poster: se non vuoi bucare il muro con un chiodo, né rovinare la superficie con il nastro adesivo, puoi appendere i tuoi poster usando il dentifricio… potrai rimuoverlo in qualsiasi momento senza problemi.
  • Contro i graffi sul vetro: i piccoli graffi sui vetri e sugli schermi di tablet e smartphone possono essere rimossi con un velo di dentifricio e una passata di panno morbido ed umido per eliminare i residui.

… e non solo!

  • Per i graffi sull’auto: rimedio valido per i piccoli graffi superficiali, il dentifricio è utilizzabile al posto della classica pasta abrasiva, strofinando con gentilezza e con un movimento circolare per evitare danni alla verniciatura.
  • Per le scarpe: la gomma delle scarpe da ginnastica sempre sporca e graffiata, può trovare una nuova vita se trattata con del dentifricio. Basta strofinare bene con una spugnetta e rimuovere i residui con un panno umido.
  • Per gli occhiali: trucchetto che tutti i sub e i nuotatori conoscono, il dentifricio può evitare che gli occhiali si appannino. Occorre solo passarne un velo sulle lenti e risciacquare abbondantemente, lo stesso procedimento può essere applicato anche ai vetri in generale.
  • Per il biberon: tutti i residui di latte e i cattivi odori racchiusi nel biberon possono sparire se trattati con un dentifricio a microgranuli, spazzolato nella parte interna con uno scovolino per bottiglie. Ovviamente bisogna risciacquare bene per eliminare ogni residuo del prodotto.
  • Contro i graffi su CD e DVD: macchie e graffi superficiali si dissolvono senza sforzo applicando un velo di pasta sulla superficie e strofinando con gentilezza.
  • Per i gioielli: gioielli in ottone e argento possono ottenere lo stesso trattamento dell’argenteria della nonna. Strofinando con un po’ di dentifricio e rimuovendo gli eccessi con un panno morbido il risultato è assicurato.

Conoscevi questi rimedi? Ti abbiamo stupito? Inizia a testarli e facci sapere cosa ne pensi!

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà visibile.