Un nuovo sito targato WordPress

AIO – banner 940×60

Femminilità: a lezione da Marylin

CONDIVIDI
, / 997 0
Femminilità: a lezione da Marylin

La lingua italiana considera la femminilità come “l’insieme dei caratteri che definiscono l’aspetto e il comportamento proprio della donna”.

Ma le donne, come la pensano?

Senza dubbio, non tutte ci sentiamo a proprio agio nell’essere femminili e molte donne sono spesso inconsapevoli dei propri punti di forza.

È dunque importante riconoscere e valorizzare questi aspetti, che sono in grado di migliorare sia la capacità comunicativa, verbale e non… sia l’autoreferenzialità, ossia la capacità di attrarre situazioni e persone positive, aumentando così la possibilità di affrontare la vita con una marcia in più.

La felicità, ingrediente essenziale per la femminilità

La femminilità non deve ridursi all’immagine stereotipata della donna in tacchi a spillo e minigonna, bensì sono la qualità della vita e la gioia di vivere il proprio “esser donna” a fare la differenza.

Questa sicurezza è tuttavia spesso offuscata da “blocchi mentali” che le donne tendono ad imporre a se stesse. C’è chi rifiuta categoricamente di indossare scarpe col tacco o un semplice rossetto, chi si rapporta con gli altri in modo competitivo e chi non dedica tempo sufficiente alla cura della propria persona.

Non fare come loro!

L’educazione ricevuta e i ruoli familiari ricoperti possono avere un effetto considerevole sull’immagine che una donna può voler comunicare agli altri.

Si riconoscono infatti alcuni esempi in cui il gentil sesso decide di mettere da parte la propria essenza per differenti motivi:

  • La “mascolina” è una donna educata ad essere forte, determinata ed indipendente, che valuta la femminilità come un’espressione di frivolezza e debolezza e tende a stimolare, soprattutto in ambito lavorativo, una forte competizione.
  • La “mamma”: molto frequente tra chi ha figli in tenera età, si verifica quando il ruolo di mamma prende il sopravvento sulla donna, al punto tale che anche dieci minuti dedicati alla propria cura sono causa di sensi di colpa nei confronti del nucleo familiare, portando così alla rinuncia.
  • La “badante”: legata alla famiglia di origine, si prende cura in modo continuo e assiduo ad esempio dei genitori anziani, sacrificando a volte la propria vita di donna.

Bocca e femminilità

Per tutte le donne esiste però la possibilità di tornare a sentirsi bene nei panni femminili… ed è più semplice di quanto sembri.

Fare riferimento ad un’icona di bellezza e sensualità come Marylin Monroe può sicuramente aiutare. Basterebbe dedicare qualche minuto alla visione di “Gli uomini preferiscono le bionde” per osservare il suo modo magistrale di camminare, parlare, muovere gli occhi, la bocca e le mani.

E proprio la bocca è uno dei punti di forza di quella che può essere definita come una delle più grandi dive di Hollywood.

Carnose e seducenti, sempre sottolineate e messe in risalto dal rossetto rosso fuoco, le labbra di Marylin Monroe sono diventate non a caso l’oggetto del desiderio di tutti gli uomini… ma anche di innumerevoli donne, pronte ad imitare la regina della sensualità anche solo per una sera, per riportare a galla la propria essenza femminile.

La femminilità deve dunque essere riconosciuta come un valore e ogni donna dovrebbe imparare a sfoderare le proprie armi senza timore…

…un velo di rossetto e il gioco è fatto, riscopri la Marylin che è in te!

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà visibile.