Un nuovo sito targato WordPress

L’allattamento prolungato rovina i denti?

CONDIVIDI
, / 184 0
L’allattamento prolungato rovina i denti?

Quante volte le mamme si interrogano sul corretto periodo di allattamento?

In realtà, non esiste un momento ideale in assoluto per interrompere l’allattamento al seno. L’Organizzazione Mondiale della Sanità consiglia fino ai due anni ma anche oltre.

Un recente studio dell’Università della California tuttavia, solleva qualche dubbio.
A detta degli autori, infatti, continuare ad allattare oltre i due anni può comportare rischi per la salute dei denti da latte.

Cosa evidenziano le ricerche?

Tale studio, che ha interessato 458 bambini, evidenzia che circa il 40% dei bambini fra i 6 e i 24 mesi allattati dalla mamma presentavano una o più carie. Fra i bimbi che hanno continuato a essere allattati dopo i due anni, la percentuale saliva al 48%.
Il problema sembra collegato alla suzione e non al latte materno in sé. La suzione infatti riduce il contatto della saliva con i denti e quindi la capacità di contrastare i batteri.

Anche dall’Università di Adelaide in Australia arriva uno studio sulla correlazione tra allattamento e carie.
In questo caso è stato riscontrato che i bambini allattati al seno per almeno 2 anni, con frequenti poppate anche notturne, avevano un numero maggiore di denti cariati, mancanti o con almeno un’otturazione, rispetto a quelli che erano stati allattati al seno fino a 1 anno di età.

Sembra quindi esistere una correlazione tra allattamento al seno e carie, ma non dimentichiamoci dei tantissimi benefici, sia nutrizionali che psicologici, che questa pratica porta con sé. Un equilibrato allattamento al seno può dunque essere determinante e prevenire, o limitare, la formazione di carie nella prima infanzia del bambino.

Si tratta di studi interessanti che vanno tuttavia approfonditi e comprovati.
In ogni caso è fondamentale prendersi cura dell’igiene orale dei propri bambini fin da piccoli.

Allattamento al seno o latte artificiale?

Di recente è stata pubblicata la prima revisione sistematica sui diversi metodi di allattamento e sull’influenza che questi hanno sulla possibilità che si sviluppino carie nella prima infanzia.

Questa ricerca mostra che i piccoli nutriti con la formula del latte artificiale, per lo stesso periodo di bambini allattati al seno, presentano un maggior numero di carie rispetto ai secondi, e questo perché nel latte materno la presenza di proteine come la β-caseina, non contenute invece nel latte artificiale, inibiscono la crescita e l’adesione dei batteri che sono la principale causa delle carie.

Quanto è importante curare la carie ai denti da latte?

Spesso non si dà importanza alla cura di tale infezione solo perché il dentino non è definitivo. Sbagliato! Ricordati che un dente da latte cariato può portare ad una anticipata caduta fisiologica e creare un possibile mal allineamento dentale in futuro.

Dunque tieni sempre d’occhio i denti del tuo bambino e lascia che una macchietta scura rimanga soltanto un ricordo.
Qualora dovessi notare una o più macchie simili sui denti del tuo bambino è opportuno non indugiare e sottoporlo ad una visita dal dentista, che sarà in grado di trovare la soluzione più adatta a lui.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà visibile.