Un nuovo sito targato WordPress

Colgate pushbar #2

Perchè il tuo bambino sbava tanto?

CONDIVIDI
, / 5397 0
Perchè il tuo bambino sbava tanto?

Il tuo bambino ha già compiuto dieci settimane e continua a perdere saliva dalla bocca, inzuppando vestiti e bavaglini?

Benché sia certo che i bebè producono più saliva rispetto agli adulti, la vera ragione che porta i piccoli ad espellerla dalla bocca di frequente è che non hanno ancora imparato ad inghiottire.

Si stima che un adulto deglutisca ogni quattro o sei minuti durante il giorno, ed ogni sette o otto di sera. Un bebè al contrario, non lo fa più di quattro volte nell’arco di un’ora e questo porta tutta la bava non inghiottita a fuoriuscire della bocca.

 

Latte materno e ciuccio

Ma perchè un bambino riesce ad inghiottire perfettamente il latte materno?

Il meccanismo di poppata non è esattamente lo stesso in quanto succhiando il latte, il piccolo deve fare un certo sforzo con i muscoli della bocca e impara a comprendere fin da subito che ogni movimento di suzione è direttamente collegato ad uno di deglutizione.

È proprio per lo stesso meccanismo che alcuni piccoli sbavano meno se è offerto loro un succhiotto, ma l’abuso del ciuccio può aumentare l’irritazione della zona della bocca a causa del materiale con il quale viene fabbricato, anche se vengono continuamente sviluppati nuovi materiali e modelli in grado di limitare i danni.

 

Aiuto, la saliva aumenta!

L’aumento nella salivazione coincide inoltre con due momenti chiave nella crescita dal bambino: l’eruzione dei denti e più avanti, l’introduzione dell’alimentazione complementare.

Dentizione: benché il primo dentino necessiti di alcuni mesi per germogliare, a partire dal terzo mese di vita si producono dei movimenti nei nuclei dentali racchiusi nel tessuto gengivale, che causano al piccolo irritazione e dolore diffuso. La saliva agisce in questo caso come un lubrificante, oltre a contenere enzimi in grado di contrastare le infezioni.

Ecco perchè la secrezione di saliva aumenta ogni volta che un nuovo dentino fa capolino.

Dieta complementare: intorno al quarto mese di vita, i nuovi sapori che sottoporrai al tuo bambino integrando l’alimentazione quotidiana con pappe e pappette saranno certamente un stimolo per le sue papille gustative, che quindi stimoleranno una maggiore produzione di saliva.

Benché sia ancora molto piccolo per poter masticare, attraverso la salivazione inizierà a mescolare gli alimenti nel cavo orale, disfando il cibo in piccole porzioni più facilmente inghiottibili e digeribili

La saliva agisce qui come lubrificante del bolo alimentare che dalla bocca deve arrivare allo stomaco del neonato.

 

Irritazioni: come evitarle

Le bave non generano disturbi ai bebè, ma possono irritare la zona periorale provocando dermatiti diffuse, che possono aggravarsi in inverno per colpa del freddo.

Per evitare tali fastidiosi disturbi usa una buona crema idratante, specialmente formulata per questa zona e che vada a creare dunque un film protettivo attorno alla bocca, che agisce come isolante ed ostacola l’irritazione.

Conviene inoltre asciugare molto spesso bocca, mento e collo con delicatezza, usando un bavaglino assorbente per evitare che i vestiti si inzuppino in men che non si dica. Di sera, stendi un asciugamano sotto al lenzuolo del piccolo affinché i vestiti e le coperte non rimangano impregnati durante il sonno.

 

Fino a quando sbaverà?

L’età in cui un bambino comincia ad inghiottire la saliva con normalità è piuttosto variabile.

Si considera normale la fuoriuscita di saliva fino ai 18 mesi, e non è strano che alcuni bebè sbavino più a lungo di altri. Se però il piccolo presenta altri sintomi, come irritabilità notturna o rigurgiti, consulta il tuo pediatra per escludere problemi di salute, in quanto ad esempio in presenza di reflusso le ghiandole tendono a secernere più saliva per proteggere la bocca dal contenuto acido del vomito.

Hai già messo a lavare 5 bavaglini? Non ti preoccupare… ecco perchè il tuo piccolo sbava così spesso!

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà visibile.