Un nuovo sito targato WordPress

Igiene orale, una storia che parte da lontano

CONDIVIDI
, / 1295 0
Igiene orale, una storia che parte da lontano

Il sorriso è una delle espressioni umane più significative, una forma di comunicazione non verbale che sin dalla nascita ci aiuta a trasmettere felicità e apertura al dialogo.

Per questo mantenere un sorriso bello e sano è sempre stata una priorità, anche nel passato.

 

Primi accenni

E la cura dell’igiene orale parte davvero da lontano… ogni civiltà, in ogni periodo storico, ha infatti sviluppato il proprio metodo per detergere il cavo orale, con risultati più o meno soddisfacenti.

Già nell’antica Mesopotamia nella bocca veniva applicato un impasto a base di menta, un sale minerale detto allume e corteccia.

Una nota leggenda babilonese racconta invece di un verme dei denti, responsabile di causare la carie. Secondo la leggenda il verme affamato chiese a Poseidone il permesso di abitare tra i denti e le gengive degli uomini, così da nutrirsi dei residui di cibo che vi si depositano. Ottenuta l’autorizzazione dal Dio delle acque si insedia nel cavo orale, iniziando a scavare caverne e gallerie… dando origine alle carie e al mal di denti.

E benché i medici dell’antica Grecia, primo fra tutti Ippocrate, esortassero a non credere all’antica storia del verme, questa è sopravvissuta sotto forma di credenza popolare fino al Medio Evo.

 

Tra Egizi e Romani

Gli antichi Egizi consideravano la routine di igiene orale come un momento di benessere.

Le principesse erano solite utilizzare un impasto a base di verderame e incenso, oppure preparati detergenti e aromatici realizzati con mirra dolce, pepe, sale, foglie di menta e fiori di iris.

Poco più in là, gli antichi Greci hanno sviluppato la cultura e la simbologia del sorriso così come la conosciamo oggi, questo grazie anche alla grande diffusione del teatro comico. Sorridere e ridere apertamente generava così l’esigenza di sfoggiare una dentatura pulita… non si conoscevano certo i termini carie e tartaro, tuttavia una combinazione di sale, miele e rosmarino aiutava a mantenere il cavo orale in buona salute.

E i Romani? Uno dei primi dentifrici abrasivi di cui si ha notizia deriva proprio dalla nostra terra, messo a punto nel I secolo d.C. dal medico Scribonius Largus mescolando miele, aceto e sale.

 

Primi spazzolini

Nella lontana Cina troviamo invece tracce del primo spazzolino da denti. Risalente al 300 d.C., si tratta di una sorta di bastoncino di legno sul quale veniva posta una miscela di polvere di carbone e gusci di uovo pestati.

Ed è sempre in Cina che nel 1500 si ha uno dei primi spazzolini con setole di derivazione naturale, composte da peli di cinghiale o di cavallo, più delicati a contatto con denti e gengive.

 

Un passo indietro

Il Medio Evo porta con sé un vero e proprio passo indietro per la salute orale.

Gli spazzolini erano poco diffusi e la salute orale era pessima, soprattutto tra gli appartenenti ai ceti alti che tendevano a consumare abbondanti dosi di dolci e cibi grassi. Le carie non erano certo una rarità… e per combatterle si ricorreva a rimedi più strani, dagli impacchi di mele marce ai risciacqui con l’urina!

In un’epoca nella quale la rassicurante figura del dentista non esisteva ancora, per eliminare il problema alla radice si ricorreva ai fabbri o ai barbieri, che estraevano i denti con non pochi rischi per la vita dei pazienti.

Con l’apertura delle vie commerciali verso India e Medio Oriente tuttavia, iniziano a diffondersi spezie dalle proprietà detergenti e medicinali con le quali ottenere polveri dentifricie se unite a sale e carbone… e lo spazzolino? La miscela veniva spalmata sulla dentatura con un semplice fazzoletto di lino.

 

Storia moderna

Giungiamo così al 1872, anno in cui Samuel B. Colgate inventa il dentifricio moderno… e saltiamo al 1938 per incontrare il “Miracoloso Spazzolino a ciuffi del Dr. West” fabbricato con setole sintetiche in nylon, più pratiche e soprattutto igieniche.

Dalla Seconda Guerra Mondiale in poi la cura della salute orale è divenuta sempre più importante, conquistando un posto privilegiato tra le buone abitudini quotidiane che si insegnano fin dalla giovane età.

 

Un percorso che parte da lontano dunque… e sottolinea come la preoccupazione per la salute e la bellezza del sorriso non sia solo una caratteristica dei giorni nostri ma provenga da molto lontano.

 

Immagine: Flickr

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà visibile.