Un nuovo sito targato WordPress

Colgate pushbar #2

Perchè mettere l’apparecchio a 40 anni?

CONDIVIDI
, / 8909 0
Perchè mettere l’apparecchio a 40 anni?

Siamo abituati a cercare quel caratteristico sorriso di metallo nei bambini o negli adolescenti, afflitti dal pensiero di non poter sfoggiare un sorriso da star… non ancora, almeno.

Ma cosa succede se è un adulto a dover portare l’apparecchio?

Colgate articolo

 

Adulti o bambini?

L’ortodonzia in età adulta presenta notevoli differenze rispetto all’adolescenza.

Le ossa di una persona sviluppata sono infatti completamente inserite nello scheletro e non possono più crescere ulteriormente. Se è più facile agire sui bambini spostando e ruotando le ossa del cavo orale, negli adulti queste sono ormai ben stabilizzate e il dentista deve concentrarsi soprattutto sui denti.

L’utilizzo dell’apparecchio da parte degli adulti è piuttosto raro, sebbene negli ultimi tempi sia un fenomeno in crescita. La mancanza di informazioni sui dispositivi ortodontici porta infatti a credere che questi siano riservati agli adolescenti, non tenendo conto delle moderne tecnologie in grado di correggere le malposizioni dentali anche in età avanzata.

 

Solo piccoli problemi?

Per qualcuno si tratta di risolvere problemi a livello dentale o mascellare, per qualcun altro invece le problematiche appartengono alla sfera estetica… ma nulla deve essere sottovalutato, in quanto nel giro di qualche anno anche piccoli fastidi estetici potrebbero causare seri danni al cavo orale.

Un disallineamento dentale o mandibolare potrebbe infatti portare con sé l’insorgere di carie, patologie gengivali e usura prematura dei tessuti, richiedendo l’uso di dentiere o interventi di chirurgia più avanzati.

L’ausilio di un apparecchio fisso consentirebbe dunque anche ad un adulto di correggere:

  • Spaziature tra i denti
  • Denti storti o sporgenti
  • Sovrapposizione del morso
  • Affollamento dentale

 

Quali apparecchi?

Generalmente negli adulti le correzioni ortodontiche vengono messe in atto attraverso apparecchi fissi, mantenuti per un periodo che può variare dai 6 ai 24 mesi.

Le nuove tecnologie hanno reso gli apparecchi meno voluminosi e soprattutto meno visibili, per soddisfare le nostre esigenze estetiche.

È molto diffuso infatti tra gli adulti il timore di mostrarsi con un apparecchio, rovinando la propria immagine professionale e privata… “Cosa dirà il mio ragazzo? I miei figli mi prenderanno in giro? I clienti mi prenderanno sul serio?” sono solo alcune tra le perplessità più diffuse pensando ad un dispositivo ortodontico fisso. Per questo accanto alla soluzione classica troviamo oggi moderni modelli di apparecchi correttori:

  • Apparecchi invisibili: si tratta di dispositivi intraorali quasi impercettibili, realizzati in silicone o altri materiali, in grado di riallineare progressivamente i denti.
  • Tecnica linguale: tecnica innovativa che prevede l’applicazione di attacchi e archi metallici sul lato interno dell’arcata dentale, rendendoli invisibili all’esterno.

Prima di ricorrere ad uno qualsiasi dei dispositivi è fondamentale che le gengive siano sane e in ottimo stato, così da evitare l’insorgere di fastidiose infiammazioni e gengiviti dovute alle classiche carenze di igiene orale quotidiana.

 

Il tuo dentista di fiducia ti ha appena comunicato che dovrai mettere l’apparecchio? Non disperare, con un po’ di pazienza e scegliendo la giusta soluzione per i tuoi denti, in pochi mesi potrai ottenere un sorriso a prova di Hollywood… non è mai troppo tardi per avere una dentatura bella e sana!

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà visibile.