Un nuovo sito targato WordPress

TePe 940×60

Denti da latte: proteggili!

CONDIVIDI
, / 982 0
Denti da latte: proteggili!

Potremmo essere portati a pensare che i denti da latte, come tutte le cose provvisorie, possano essere trascurati o quanto meno tralasciati “perché tanto poi cadono”. Ma siamo sicuri che sia l’atteggiamento giusto?

 

Colgate articolo

Importanti sì o no

Generalmente i denti decidui sono destinati a cadere a partire dai 6 anni circa, allora perché curarli?

In realtà questi dentini hanno una funzione importantissima, ossia occupano lo spazio che sarà destinato ai denti permanenti, partecipando alla formazione della struttura della bocca e allo sviluppo della masticazione.

Per non parlare della proprietà di linguaggio e della salute generale dei denti definitivi, che partono inevitabilmente favorite con una dentatura sana e curata. Ma non solo, se il bambino impara già da piccolo a prendersi cura della propria bocca, manterrà più facilmente questa abitudine nel corso del tempo.

 

Lotta alla carie

La carie non si tira mai indietro, anche nel caso dei bambini. Anzi, quella che affligge i denti decidui o i denti permanenti spuntati da poco, tende a formarsi più velocemente e a progredire in maniera più rapida.

In alcuni casi particolarmente critici la carie va a coinvolgere i denti decidui appena emersi, intaccandone pesantemente la struttura al nascere e lasciando piccole estremità annerite che andranno curate con attenzione.

 

Contatto pericoloso

Cosa comporta una carie trascurata nei dentini da latte per i denti permanenti che verranno?

Se le estremità dei denti permanenti entrano in contatto diretto con frammenti di dentini decidui cariati per un periodo prolungato, si rischia che il disturbo si propaghi per trasmissione. In caso dunque di eruzione di denti permanenti sani in un ambiente già affetto da carie non curate, si ha una buona probabilità che i nuovi elementi vengano contagiati.

I batteri cariogeni inoltre tendono a propagarsi lungo i canali radicolari, raggiungendo i denti permanenti che attendono il loro turno al di sotto di quelli decidui, andando ad intaccare lo sviluppo dello smalto delle corone.

È per questo motivo che i nuovi dentini permanenti saranno probabilmente meno resistenti e più sensibili agli attacchi dei batteri. Tuttavia, lo sviluppo dei denti avviene all’interno delle ossa mascellari a protezione dall’ambiente circostante, così da ostacolare la penetrazione dei batteri e l’indebolimento dello smalto.

La relazione tra carie e denti decidui e permanenti è stata dimostrata, tuttavia non costituisce una regola e mantenendo una routine di igiene orale adeguata sin dai primi anni di età, è più facile che i denti definitivi nascano sani e forti.

 

Salute e alimentazione

Come in moltissimi altri casi, l’alimentazione ha un ruolo chiave anche nello sviluppo della mandibola e in quello della tanto odiata carie.

Bisogna fare attenzione alla transizione del bambino verso un’alimentazione solida a partire dai 3 anni, così da favorire la corretta masticazione.

Un grosso accorgimento potrebbe essere anche quello di ridurre gli alimenti che si tengono a lungo in bocca nel corso della giornata come caramelle, patatine e snack. Mangiucchiare troppo spesso altera infatti il potere tampone della saliva, ossia la capacità di neutralizzare l’acido prodotto dai batteri a contatto con rimasugli di alimenti zuccherati.

Le bevande gassate e zuccherate, tra cui anche il latte nel biberon, devono essere evitate soprattutto prima di andare a letto e preferibilmente servite con una cannuccia, così il liquido non entrerà troppo a contatto con i denti.

 

Non pensare dunque che i denti da latte non siano importanti, prenditene cura come qualsiasi altra parte del corpo… il tuo bimbo ti ringrazierà!

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà visibile.